Mutui casa, il tasso fisso è ancora il preferito

mutui casa

I mutui casa a tasso fisso continuano ad essere fortemente preferiti rispetto agli equivalenti a tasso variabile, e il recente rialzo dei tassi medi applicati sul mercato italiano non costo dei mutui casasembra aver pregiudicato il maggiore appeal che il tasso certo e invariabile può garantire nei confronti della clientela che sceglie di indebitarsi con tale forma tecnica di costo del denaro. Facile, d’altronde, intuirne i motivi: i tassi ancora su livelli minimi recenti permettono di “congelare” il proprio debito su interessi di grande convenienza, soprattutto quando i tassi di mercato riprenderanno la loro rincorsa al rialzo. Il tutto, peraltro, nonostante il mutuo a tasso variabile rimanga di oltre 100 punti base più basso rispetto al mutuo a tasso fisso.

Tassi variabili, offerte sotto l’1%

Attualmente sul mercato bancario italiano non è raro imbattersi in proposte commerciali di mutui a tassi variabili inferiori all’1%. Certo, per poter ottenere un simile beneficio occorre limitarsi a un LTV non superiore al 50%, e occorre rifondere un discreto impegno nel destreggiarsi tra le varie offerte bancarie, ma non è certo arduo chiudere gli accordi con il proprio istituto di credito con tassi intorno all’1% o, per LTV più alti, intorno all’1,3-1,5%.

Tassi fissi, la sicurezza “costa”

Discorso diverso per i mutui a tasso di interesse fisso. In questo caso, pur trattandosi comunque di condizioni di sostanziale favore rispetto a quanto non avvenisse in un passato non troppo lontano, un finanziamento con LTV del 50% a 20 anni difficilmente scenderà sotto 2-2,1%, mentre nel caso in cui si opti per un LTV dell’80%, i tassi punteranno con maggiore vigore verso il 2,5%.

Insomma, a un rapido confronto, la distanza tra i tassi variabili e i tassi fissi supera più spesso che volentieri i 100 punti base, fornendo a chi si indebita a tasso variabile la possibilità di potersi ritenere comunque al riparo (almeno, sotto il profilo della convenienza economica) da repentini e marginali rincari del costo del denaro. Una valutazione che sembra essere ancora più incoraggiante nel momento in cui si ritiene (a ragione) che i parametri di riferimento per i tassi variabili applicati alla clientela (tasso BCE e Euribor) difficilmente riprenderanno a correre in modo significativo prima di 12-24 mesi.

In altri termini, chi oggi stipula un mutuo a tasso variabile ha davanti a se anni di maggiore convenienza rispetto a chi si indebita a tasso fisso. Eppure, la domanda di mercato preferisce il fisso: una scelta che nasce per potersi tutelare sul lungo termine (d’altronde, chi sottoscrive un mutuo casa difficilmente si indebita per 5-10 anni, ma si spinge più frequentemente su 20-30 anni), dimenticandosi così della necessità di dover monitorare attentamente quel che accade sui mercati finanziari, al fine di cogliere il giusto momento per surrogare (è evidente che chi si indebita a tasso fisso su tali livelli, difficilmente avrà in futuro la convenienza a una surroga). Un piccolo sacrificio presente, dunque, per un migliore vantaggio (anche in termini di programmazione finanziaria) protratto nel tempo.

Richiedi Valutazione Gratuita Immobile
Vorresti conoscere la corretta valutazione di mercato di casa tua per venderla al miglior prezzo nel minor tempo? Contattaci
La tua privacy è al sicuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*